Luglio 30, 2020

Cos’è la fisioterapia dermatofunzionale

La Fisioterapia Dermatofunzionale è l’area specialistica della fisioterapia clinica preposta alla valutazione e al trattamento dei disturbi fisico-estetici-funzionali derivanti da condizioni cliniche, patologie, interventi chirurgici ed eventi che influiscono direttamente o indirettamente sull’integrità dell’apparato tegumentario

L’apparato tegumentario è costituito dalla cute o pelle e degli annessi cutanei (peli, ghiandole sudoripare ed unghie).

Le sue funzioni sono numerose e riassumibili nei seguenti punti:

  • protegge l’organismo dagli agenti esterni (traumi, microrganismi, radiazioni ultraviolette ecc.)
    contribuisce alla termoregolazione
  • sintetizza e deposita lipidi
  • facilita l’escrezione di sostanze di rifiuto
  • è fondamentale per la sintesi si vitamina D3
  • ci consente di percepire stimoli termici, dolorifici e pressori (tattili)

In altre parole, la Fisioterapia Dermatofunzionale è una branca della medicina riabilitativa che interviene nei disturbi basati su alterazioni della funzionalità della pelle.

agisce sull’apparato tegumentario umano, ovvero la pelle nel suo insieme, ma anche su ghiandole e recettori sensoriali, trattandoli nella globalità e cercando di ripristinarne non solo l’estetica, ma anche e sopratutto la funzione.

La fisioterapia dermatofunzionale cura, valuta e previene l’apparato tegumentario.

Molte persone erroneamente immaginano che il lavoro del fisioterapista , si concentri solo ed esclusivamente sui pazienti che soffrono di qualche limitazione fisica, o che stanno vivendo problemi motori dovuti a patologie dell’apparato muscolo scheletrico, traumi o incidenti.

In realtà, grazie alle sue conoscenze di base in anatomia, fisiologia e biologia, il Fisioterapista Dermatofunzionale è in grado di pianificare un trattamento efficace e sicuro-

Il Fisioterapista Dermatofunzionale si impegna nella valutazione, cura e prevenzione degli squilibri funzionali ed estetici derivanti da patologie, interventi chirurgici e complicanze (traumatiche, postoperatorie), che influiscono direttamente o indirettamente sull’integrità e le funzioni della pelle.

Le sue azioni terapeutiche sono pensate per favorire:

  • Elasticità della cute

  • Equilibrio del tono muscolare

  • Aumento della microcircolazione

  • Efficienza del sistema linfatico

  • Attività del metabolismo e del sistema immunitario

La Fisioterapia Dermatofunzionale interviene per correggere disfunzioni e riabilitare i pazienti limitati da condizioni cliniche non favorevoli, utilizzando risorse che operano in modo non chirurgico.

La Fisioterapia Dermatofunzionale nasce in Brasile negli anni 90. In realtà già negli anni 70 si iniziava a trattare l’argomento, ma le prime pubblicazioni scientifiche ufficiali sono state pubblicate nel 1997, da una commissione di studio in Brasile sulla fisio-estetica.

In quegli anni era diventato sempre più chiaro che, alterazioni cutanee (ustioni, mastectomia, cicatrici, ecc.), avevano ripercussioni a livello estetico che portavano anche a un cambiamento funzionale. Proprio per questo si decise di chiamare questa specializzazione della fisioterapia “dermatofunzionale “.

Anche gli statunitensi avevano intuito il ruolo indispensabile della fisioterapia nei processi di cura e riabilitazione della pelle, come infatti, nel 2001, ha pubblicato una revisione delle linee guida per le buone pratiche in fisioterapia dedicando un capitolo “Integumentary Patters” al campo d’azione terapeutico in ambito tegumentario.

Le aree di intervento della Fisioterapia Dermatofunzionale si dividono in due grandi aree: terapia estetica e terapia riparativa.

L’aerea di intervento estetica che tratta:

  • Invecchiamento cutaneo (rughe, macchie, pelle devitalizzata)

  • Cellulite

  • Smagliature

  • Grasso localizzato

  • Acne

  • Flaccidità (dermica e muscolare)

  • Edemi linfatici e/o venosi

  • Pre e post-operatorio

  • Oncologici

  • Obesità e sindromi metaboliche

L’area riparativa è dedicata alla riparazione dei tessuti, all’integrazione delle sostanze perdute, alla riabilitazione delle funzioni d’organo, generalmente in seguito a traumi, malattie o difetti congeniti:

  • Ustioni

  • Cicatrici

  • Ulcere

  • Ferite

  • Necrosi tissutale

L’intervento chirurgico è un danno tissutale indotto a scopo terapeutico che, anche se ben eseguito, può compromettere la normale funzionalità tissutale. Il Fisioterapista Dermatofunzionale agisce con tutte le risorse disponibili per ridurre al minimo questi cambiamenti, sia prima che dopo l’operazione chirurgica.

Un esempio pratico di tecniche di esercizio terapeutico comuni alla Fisioterapia Dermatofunzionale sono i trattamenti di ginnastica specifica nella cura e nella riabilitazione della diastasi dei retti addominali ma anche tutti i protocolli di esercizio fisico che mirano alla gestione della paziente con cellulite o più correttamente con Panniculopatia Eedemato Fibro Scerotica.

Iscriviti alla mia newsletter