Febbraio 25, 2024

Tipi di cellulite

Sapevi che esistono 4 tipi di cellulite? Sai come individuarla e classificarla?

Prima una breve premessa su che cos’è la cellulite.

Sotto la pelle, indipendentemente dal peso, dalla percentuale di grasso corporeo e dal livello di forma fisica, ci sono cellule adipose che immagazzinano energia. Nel tempo, crescono a causa di diversi fattori, inclusi gli ormoni, la dieta e lo stile di vita.

Le cellule adipose si trovano all’interno di compartimenti costituiti da robusti cordoni fibrosi che collegano la pelle ai muscoli. Queste corde sono chiamate setti. Quando le cellule adipose sono piccole, generalmente, si adattano bene all’interno di questi compartimenti. Tuttavia, man mano che crescono, gli scomparti si affollano i setti si abbassano mentre le cellule adipose in espansione spingono verso l’alto. Questo è ciò che crea la superficie irregolare della cellulite.

I tipi di variano in base al suo grado di intesità.

  • 1°grado – Cellulite Edematosa o acquosa

E’ una forma specifica di cellulite che si caratterizza per la presenza di ritenzione idrica nella zona interessata tra le cellule adipose.

Come suggerisce il nome, quest’ultimo è direttamente correlato all’acqua e si riferisce all’acqua trattenuta che ristagna nei tessuti e. Stiamo quindi parlando di ritenzione idrica causata da cattiva circolazione venosa e linfatica.

Il sistema linfatico è una vasta rete di vasi che svolge un ruolo importante, quest’ultimo fornisce i nutrienti e i grassi necessari al nostro corpo. Quindi, durante il suo passaggio, la linfa (liquido linfatico) trasporta il fluido in eccesso nei tessuti e purifica le cellule dai loro rifiuti. Una cattiva circolazione linfatica porta alla saturazione dei tessuti con acqua e tossine.

Come capire se ho cellulite edematosa?

La caratteristica della cellulite edematosa è un gonfiore sottocutaneo, con inestetismi non ancora palesi, elasticità e tonicità della pelle piuttosto integre.

  • 2°grado – Cellulite adiposa

La cellulite grassa può talvolta essere associata a un ispessimento dello strato superficiale del tessuto adiposo costituito da un aumento anormale del numero (ipertrofia) o delle dimensioni (iperplasia) degli adipociti o delle cellule adipose su aree chiave come cosce, glutei e braccia.

La cellulite adiposa ha la sua origine in un fenomeno ben noto che corrisponde a un ispessimento del tessuto adiposo e a un accumulo anomalo di cellule adipose troppo grandi nello strato superficiale dell’ipoderma.

Quando si prende peso, il corpo immagazzina il grasso in determinate aree: se gli adipociti sono troppo numerosi e troppo grandi, la circolazione sanguigna e linfatica è ostacolata dalla compressione e le tossine non possono più essere eliminate correttamente, portando all’infiammazione. Oltre ad una predisposizione genetica, è da questo squilibrio tra grasso ingerito e grasso esaurito che può nascere la cellulite adiposa.

Come capire se ho cellulite adiposa?

La cellulite adiposa è associata a un ispessimento dello strato superficiale del tessuto adiposo costituito da un aumento anormale del numero (ipertrofia) o delle dimensioni (iperplasia) degli adipociti o delle cellule adipose su aree chiave come cosce, glutei e braccia.

  • 3°grado – Cellulite fibrosa

Oltre a cresciere di spessore nella cellulite fibrosa le cellule adipose si moltiplicano e i fibroblasti (fibre di collagene della pelle) si induriscono per protezione.

Come capire se ho la cellulite fibrosa?

È caratterizzata da un indurimento anomalo associato o meno a cattiva circolazione sanguigna o aumento di peso.

La cellulite fibrosa è particolarmente incorporata nelle culotte de cheval o cuscinetti, nei glutei e nelle ginocchia.

  • 4°grado – Cellulite sclerotica

Il 4°grado è l’ultimo il più grave, il più temuto perché difficilissimo da eliminare.

In questo stadio il corpo reagisce alla crescita innaturale sia di spessore che di numero delle cellule adipose immettendo un liquido protettivo attorno a esse chiamato connettivo che può evolvere in un’infiammazione dello stesso.

Come capire se ho la cellulite sclerotica?

Il primo sintomo è il dolore che mai presente negli stadi successivi inoltre la cellulite si presenta non soltanto con una pelle a buccia d’arancia, ma anche con una pelle granulosa, poco elastica, fredda al tatto, meno sensibile e con la formazione di micro o macro noduli, che danno il tipico aspetto di pelle a materasso, questo effetto visivo viene dato dal tiraggio verso il basso delle fibre della cute e le cellule adipose vengono quindi compresse tra le strutture cutanee profonde e la superficie della pelle, formando depressioni cutanee.

Iscriviti alla mia newsletter